Storia

MISSION

Un vincente è un sognatore che non si arrende mai

stella-piccolaL’associazione sportiva dilettantistica “Atletica Endas Cesena” è un’associazione riconosciuta, affiliata alla Federazione Italiana di Atletica Leggera (Fidal) e all’ente di promozione ENDAS, che promuove lo sport dell’Atletica Leggera sia in forma promozionale di avviamento che in forma agonistica, per tutte le categorie, maschili e femminili.

La società, può vantare di aver ottenuto dal Coni, nel 2016, il prestigioso riconoscimento della stella d’argento al merito sportivo e nel 2004 la stella di bronzo.

 

Quel gruppo è stato per me come un genitore equilibrato, mi ha cresciuto, educato allo sport, portato ai primi successi e poi mi ha fatto percorrere la mia strada…

Nicoletta Tozzi – 9 volte Campionessa Italiana 800m – 18 maglie azzurre

Intanto crescevo in mezzo a gente che era capace di insegnarmi anche a divertirmi e non solo l’esasperazione agonistica, già troppo presente in me.

Marco Alberti – 5 volte Campione Italiano di salto in lungo – 12 maglie azzurre

LA STORIA

L’Atletica Endas Cesena nasce l’1 Marzo 1969 grazie all’impegno del professor Pier Angelo Macrelli, “guida spirituale” e anima della nostra società.

Pierangelo Macrelli

Pierangelo Macrelli

Nel 1970 l’Endas Atletica dà inizio all’attività agonistica organizzando i Campionati Italiani di Società, proprio a Cesena.

Paride Benini - 2000sipei - 1974

Paride Benini – 2000siepi – 1974

Nel 1974 si riesce a formare un numero di atleti validi ed emergenti più cospicuo. Fra questi c’è Luigi Pedrelli, Mara Sanapo e Sandro Suriani.

Nel 1976 si uniscono Alberto Paolucci e Paride Benini.

Nel 1980 l’Endas Atletica di Cesena inizia una collaborazione con l’atletica di Gambettola e col prof. Eolo Tommasini, scopritore di giovani talenti.

Franco Calisesi

Franco Calisesi

Nel 1981 Franco Calisesi, Peter, dà all’Atletica Endas Cesena il primo Titolo Italiano. Calisesi è primatista italiano nel lancio della pallina 400gr, segnando la distanza di 68.40m.

Nel 1982 l’Endas Atletica trova il suo primo sponsor. In quell’anno si mette in luce l’allora sedicenne Nicoletta Tozzi, che vince la medaglia d’oro alla finale di Roma dei Giochi della Gioventù, negli 800m.

La Tozzi avrebbe iniziato con quel successo una brillante carriera sportiva, che l’avrebbe portata a vincere 9 titoli nazionali assoluti negli 800m, a vestire la maglia azzurra in numerosi incontri nazionali e internazionali.

Il 1983 segna per l’Endas Atletica un’altra importante stagione: Giuseppe Carpano inizia la sua collaborazione riuscendo a coinvolgere alcuni imprenditori cesenati nel sostentamento economico della società. Sul campo gli atleti cesenati conquistano ben due titoli italiani: nel lancio del giavellotto con Franco Calisesi che diventa Campione Italiano Allievi e sugli 800m con Nicoletta Tozzi che si qualifica Campionessa Italiana Juniores.

Due anni dopo, nel 1985, l’Atletica Endas Cesena ottiene un nuovo titolo italiano, questa volta con Stefano Bonfè, che vince il Campionato Italiano Allievi nei 400m correndoli in 49”11.

Nel 1987, sotto la presidenza del cav. Dino Valzania, nasce il sodalizio con Cesenatico e si costituisce l’ENDAS Cesena-Cesenatico.

E’ un passo avanti per l’Atletica Leggera locale. Per crescere ed ottenere grandi allori negli anni ’90, infatti, non sono sufficienti il talento e la buona volontà. Sono necessarie numerose forze, dalla conoscenza tecnica degli allenatori, alla formazione del vivaio, al continuo aggiornamento, alle possibilità economiche… tutte forze che devono operare compatte e in sinergia fra loro.

1990_nicoletta_tozzi

Nicoletta Tozzi

Il 1990 è un buon anno per l’atletica cesenate, un anno ricco di soddisfazioni e di successi grandi e piccoli, un anno che conferma ai tecnici endassini che stanno camminando sulla strada giusta, che l’edificio che hanno iniziato a costruire nella seconda metà del decennio precedete ha fondamenta solide ed è pronto per salire verso il cielo. La protagonista indiscussa del 1990 è Nicoletta Tozzi, cesenate emigrata a Milano alla corte della SNAM, che, sotto la guida di Pier Angelo Macrelli, raggiunge, sulla pista di Formia, l’apice della sua carriera.

E’ il caldo pomeriggio del 7 luglio, sulla pista laziale è in programma il World Meeting e mentre Marlene Ottey, Salvatore Antibo e Genny Di Napoli si preparano alle loro gare, Nicoletta si presenta alla partenza. E’ una gara veloce fin dalle prime battute e lei rimane nelle posizioni di testa per tutta la gara. Nella volata finale le sfuggono l’ugandese Nakigngi e la brasiliana Telles, ma il terzo posto è suo e il tempo è eccezionale: 2’01”04, terza prestazione italiana di sempre e vale per la cesenate la convocazione per i Campionati Europei di Spalato.

Qualche giorno dopo, esattamente il 20 luglio, nel profondo Nord di Bressanone, arriva la prima medaglia in un Campionato Italiano per un lanciatore cesenate. Si tratta dell’argento del discobolo Gianluca Fabbri che conquista il secondo posto ai Campionati Italiani Promesse con un lancio di 47.47m, che apre la felice stagione dei lanci endassini. Nella stessa manifestazione si mette in luce

Graziella Bolognesi

Graziella Bolognesi

anche Graziella Bolognesi, allenata da Paride Benini, che sugli 800m raggiunge un importante quinto posto in 2’12”77. Tra gli Juniores Manuele Benzi raggiunge il suo primo piazzamento di rilievo; scagliando il disco a 42.12m è sesto e chiude in bellezza la “tre giorni” biancoverde in Alto Adige.

Il 12 settembre a Pescara Nicoletta Tozzi vince il suo sesto titolo italiano all’aperto in 2’06”96, ribadendo per l’ennesima volta il suo valore.

BUDA JURI

Buda Juri

Il 29 settembre per coach Faggi, capo-settore lanci biancoverde, arriva la soddisfazione più grande. Sulla pedana del disco dello stadio “Romeo Neri” di Rimini, Juri Buda conquista il titolo italiano Allievi, al termine di una gara incertissima che mette a dura prova i nervi di tecnici e atleti. Da segnalare, per concludere il racconto di questo 1990, le due maglie azzurre vestite da Massimiliano Magalotti e Juri Buda durante l’Incontro Internazionale under 17 Italia-Spagna a Macerata.

Massimiliano Magalotti

Massimiliano Magalotti

Il 1991 è un anno importante per la nostra società, i successi degli anni precedenti fanno avvicinare diversi sponsor. Alla presidenza subentra Giuseppe Corzani e con lui inizia un anno di cambiamenti, di crescita e di scelte difficili. E’ l’anno in cui si tenta l’avventura dei Campionati di Società e per far questo arrivano a Cesena, per l’intraprendenza del direttore sportivo Daniele Bertozzi, alcuni atleti di buon valore da altre società, per rafforzare il vivaio.

L’anno inizia subito bene con il gruppo di mezzofondisti che si mette in luce nella fase regionale di cross, ottenendo il pass per la finale nazionale di Siena in tutte le categorie. A febbraio, in piena stagione indoor, il lunghista Marco Alberti, raccogli applausi a Verona ai Campionati Italiani Juniores. Al quarto turno atterra a 7.18m, è un “salto d’argento” che gli vale la convocazione in nazionale per il quadrangolare Italia-Jugoslavia-Germania-Unione Sovietica.

In maggio a Cesena si svolge la terza edizione del “Memorial Sacchetti”, con atleti del valore di Alessandro Lambruschini, Marisa Masullo, Moses Tanui, Paolo Dal Soglio, Patrizia Brunet… Per i biancoverdi la sorpresa più bella arriva dalla pedana del lungo dove Marco Alberti spicca un balzo che lo porta a 7.68m, purtroppo con vento a favore oltre la norma. E’ una prestazione alla quale seguiranno soddisfazioni ancora più grandi per lui e per il suo allenatore prof. Sandro Suriani; la prima delle quali arriva a Torino dove Alberti ottiene il sesto posto agli Assoluti grazie ad un salto di 7.54m.

I Societari Assoluti su pista vedono i cesenati qualificati per la prima volta per una finale nazionale. A metà giugno a Benevento gli endassini partecipano sia con gli uomini che con le donne alla serie B e ottengono due sesti posti.

Un mese dopo, a Cesenatico, in occasione dei tricolori Juniores e Promesse, i cesenati fanno messe di medaglie: Marco Alberti conquista la medaglia d’oro nel lungo Juniores, Graziella Bolognesi è seconda sugli 800m Promesse, tre discoboli sono di bronzo: gli Juniores Manuele Benzi e Daniela Gabellini e la “Promessa” Gianluca Fabbri. Inoltre bisogna ricordare gli ottimi piazzamenti di Massimiliano Magalotti, quinto sui 3000m Juniores, e Juri Buda, quinto nel disco Juniores.

Questi risultati portarono in casa Endas altre due maglie azzurre in occasione dell’ottagonale di Salamanca (Spagna): quelle di Daniela Gabellini e Marco Alberti, che in seguito parteciperà anche ai Campionati Europei Juniores di Salonicco (Grecia). A Tirrenia, a metà agosto, a vestirsi d’azzurro è Graziella Bolognesi, che partecipa al triangolare under 21 Italia-Spagna- Finlandia.

Il finale di stagione regala altre emozioni ai biancoverdi, prima alla finale dei Societari di Specialità, che si svolge a Cesena, dove i cesenati ottengono il quarto posto nel lancio del disco, poi a Bisceglie nella finale A1 dei Societari Juniores, dove l’Endas sale sul secondo gradino del podio.

Marco Alberti

Marco Alberti

Nel 1992 altri atleti arrivano a rinforzare il collettivo cesenate e i risultati continuano a migliorare. A febbraio ai Campionati Italiani Promesse Indoor di Pesaro Marco Alberti sale ancora una volta sul gradino più alto del podio con un salto di 7.37m. Nella stagione all’aperto i cesenati, durante le fasi regionali dei Societari Assoluti, siglano delle prestazioni maiuscole e si qualificano per la finale A1 di Arzignano, dove la squadra maschile otterrà il sesto posto e quella femminile l’undicesimo. Ma le grandi prestazioni non giungono solo dal settore assoluto. Nei Societari Allievi la squadra maschile, guidata dai fratelli Valletta, si qualifica per la finale interregionale di Bussolengo (Verona) e, a sorpresa, lo stesso obiettivo viene centrato anche dalle ragazze: è la prima volta che una squadra femminile cesenate si qualifica per una finale dei Societari.

Risultato ancor più importante è quello ottenuto dai cadetti e dalle cadette: nei Campionati Regionali di Società i maschi vincono da dominatori, le ragazze, dopo un avvio incerto, hanno uno scatto d’orgoglio nella seconda giornata e conquistano il titolo regionale.

Nei primi giorni di ottobre a Cesena si svolgono, per il secondo anno consecutivo, i Campionati Italiani di Specialità e sugli scudi sono ancora i lanciatori: quinta la squadra del disco e sesta quella del giavellotto.

La stagione si chiude a Senigallia dove sono in programma i Campionati Italiani Cadetti. In una mattinata fresca, ma soleggiata, Nicola Alessandri conquista la maglia tricolore sugli 80m. E’ la prima volta che un velocista cesenate si impone in una manifestazione nazionale. La pioggia impedisce che il bottino cesenate si arricchisca ulteriormente: il martellista Fabio Nicolini si piazza al sesto posto, il discobolo Filippo Ambrosini è settimo, Il giorno dopo Enrico Marchesini si piazza 12° sui 600m.

Il 1993 comincia con i mezzofondisti che confermano i risultati dell’anno precedente nei Societari di cross. La piacevole sorpresa di quest’inizio stagione viene da Gianluca Fabbri che a Cesena, in una fredda mattina di febbraio, durante la fase regionale dei Critrerium Invernale di lanci, scaglia il disco a 55.22m.

Molfetta Finale A2 -1993

Molfetta Finale A2 -1993

In primavera i Societari su pista hanno un esito agrodolce per gli endassini: la squadra maschile, come nel 1992, si qualifica per la finale A1, mentre le ragazze ne rimangono escluse per una manciata di punti. A Benevento i ragazzi, nonostante l’infortunio in cui incappa il velocista Benedetti, riescono a confermare il sesto posto di Arzignano. Le donne a Molfetta, invece, ottengono un soddisfacente terzo posto nella finale A2.

A Pordenone gli Allievi, nella finale interregionale dei Societari, si piazzano al terzo posto, dopo essere stati in testa fino all’ultima gara, la staffetta 4x400m.

Cambio Valdifiori-Properzi Italiani Assoluti

Cambio Valdifiori-Properzi Italiani Assoluti

Nei primi giorni di agosto, a Bologna, si svolgono i Campionati Italiani Assoluti e ancora una volta sono tanti i cesenati ad avere diritto di partecipazione: Valdifiori Barbara e Innamorati Zelmira nei 100m, Bonfè Stefano e Graziella Bolognesi negli 800m, Corrina Matteo nell’asta, Fabbri Gianluca nel disco, Alessandri Alessandro ne 1500m, Bonfè-Batini- Molinari-Benedetti nella 4x400m. Le imprese più belle vengono dalle donne: sul podio degli 800m ci sono ben due cesenati: Nicoletta Tozzi ancora una volta al primo posto e la sorprendente e bravissima Graziella Bolognesi al quinto; nelle staffette poi le nostre donne hanno un’ulteriore impennata d’orgoglio: nella 4x100m le velociste Valdifiori-Properzi-Sanulli-Innamorati ottengono, con 47”66, il nuovo record sociale, scendendo per la prima volta sotto i 48”, ottenendo l’ottava posizione assoluta, nella 4x400m Manzoni-Tombaccini-Sanulli-Bolognesi siglano un altro record sociale con 3’54”26, salendo ancora una volta sul podio, ad occupare la settima posizione assoluta.

Il finale di stagione è tutto per tre giovani lanciatori che solo per un pizzico di sfortuna non riescono a salire sul podio dei rispettivi “tricolori” di categoria: a Bergamo Andrea Valletta è quarto nella classifica del lancio del disco dei Campionati Italiani Allievi, a Montecatini Terme, dove si svolge il Crirerium Nazionale Allievi 15-enni, Filippo Ambrosini è quarto nel lancio del disco e Fabio Nicolini è quarto nel lancio del martello. La sorpresa di Montecatini è la cesenaticense Onofri Sara che inaspettatamente ottiene la medaglia d’argento nel giavellotto cadette. La stagione si chiude con la squadra allievi di lancio del disco (Ambrosini-Masini- Nicolini-Valletta A.) che si piazza al sesto posto nel Campionato Italiano di Specialità.

Salsomaggiore - squadra femminile

Salsomaggiore – squadra femminile

Il 1994, l’Atletica Endas Cesena compie 25 anni. Sono giorni difficili per una società piccola come la nostra, sempre costretta a barcamenarsi tra “sogni di gloria” e i problemi di bilancio, tra la conservazione dei giovani talenti diventati adulti e la ricerca di nuovi talenti da far crescere. Così l’Atletica Endas Cesena ridimensiona i suoi programmi, sceglie nuove strade da battere, comunque va avanti. All’inizio dell’anno la maggior parte degli atleti facenti parte della squadra Assoluta, non provenienti dal vivaio cesenate, se ne vanno presso altre società, viene sciolto il sodalizio con Cesenatico iniziato nel 1987: la crisi economica che attanaglia il Paese si fa sentire anche sul nostro piccolo bilancio e questi, perciò, sono tagli dolorosi, ma necessari.

Nonostante tutto i risultati continuano ad arrivare. Ancora una volta la squadra di cross partecipa alla finale dei Societari che si tiene a Roma. La squadra maschile, indebolita dalle partenze di inizio anno e provata di alcune pedine importanti a causa di infortuni, non riesce a qualificarsi per le finali nazionali dei Societari, la squadra femminile, invece, si qualifica per la finale B di Salsomaggiore che, grazie ad un’orgogliosa prova di tutto il collettivo, riesce a vincere. Una grande soddisfazione! Ma una soddisfazione ancora più grande arriva da Lugo dove si svolgono i Campionati Regionali di Società Allievi/e. Dopo due giorni di gare tirate allo spasimo i ragazzi perdono il titolo di solo 20 punti, mentre la squadra femminile è settima a causa della squalifica della 4x100m. L’amaro in bocca per aver perso il titolo regionale resta solo un paio di giorni: la Federazione comunica via fax che la squadra Allievi è la 12° ammessa alla finale A dei tricolori di società e che le Allieve sono state ammesse alla finale Interregionale. Quello dei ragazzi è un risultato storico: in 25 anni nessuna squadra maschile o femminile, assoluta o giovanile dell’Endas Cesena era stata ammessa a partecipare a una finale per lo scudetto dei societari. La finale è in programma a Bisceglie (Bari) e i giovani biancoverdi danno il massimo. Alla fine in classifica sono undicesimi, guadagnando una posizione rispetto alla fase precedente.

A Marcon (Venezia) la squadra femminile, nonostante le assenze di alcune atlete, guadagna due posizioni rispetto alla griglia di ammissione.

Valdifiori-Bolognesi-Tombaccini-Manzoni

Valdifiori-Bolognesi-Tombaccini-Manzoni

Ai Campionati Italiani Assoluti di Napoli i nostri ottengono i seguenti risultati: Bolognesi Graziella entra in finale degli 800m e si piazza al 7° posto (2’08”), Manzoni Debora nei 400m, con 55”51, migliora il suo personale di oltre mezzo secondo, la staffetta femminile 4x400m con Valdifiori-Bolognesi-Tombaccini-Manzoni non vuole essere da meno e, con il nuovo record sociale, 3’48”58, migliorato di oltre 5 secondi, sale sul podio ad occupare la sesta piazza.

Ai Campionati Italiani Allievi Marchesini Enrico è argento negli 800m con 1’55”8, il lanciatore Nicolini Fabio è quinto con 51.02m nel lancio del martello. Purtroppo gli anni successivi non sono così dettagliati, ci siamo persi un po’ di informazioni per strada…

Nel 1995 e 1996 alcune ragazze vengono date in prestito ad una nuova società ravennate, la Lonza Ravenna, che vuole creare una squadra femminile in grado di primeggiare in Italia.

Marchesini Enrico

Marchesini Enrico

Nel 1997 Enrico Marchesini si laurea Campione Italiano Junior negli 800m e veste la maglia azzurra insieme a Laura Leardini nella marcia e Marco Bartoletti Stella.

Il 1998 è stata una stagione lunga e molto impegnativa per i biancoverdi, che fin dal mese di gennaio, sono stati impegnati su diversi fronti e che in molte occasioni hanno ottenuto risultati di notevole rilievo. La stagione su pista ha come momento culminante quello dei Campionati di Società Assoluti e gli endassini non hanno deluso le aspettative. La fase regionale infatti, ha visto la squadra femminile al 6° poso e quella maschile al 7° posto ed entrambe le compagni si sono qualificate per la Finale Nazionale ”B” di Pistoia dove si sono piazzate rispettivamente in 8° e 11° posizione. Licia Bartolini dopo il 4°posto ai Campionati Nazionali invernali di Ivrea nella marcia, ha vestito la maglia azzurra nell’ottagonale Internazionale il 6 giugno a Senigallia (AN), è salita sul quinto gradino del podio ai tricolori juniores di Pesaro.

Marco Bartoletti Stella

Marco Bartoletti Stella

Nel 1999 Marco Bartoletti Stella è Campione Italiano Promesse nei 5000m.

Il 2000 è da ricordare per l’eccezionale stagione dell’allieva Elena Navacchia che si laurea campionessa Italiana nel lancio del martello. Ai Campionati di Società assoluti entrambe le squadre hanno centrato prima l’accesso alla serie B e poi la salvezza con il quinto posto dei ragazzi e il sesto delle ragazze. Molto bene anche le squadre giovanili: i cadetti sono terzi in regione, le cadette ottave e le ragazze quinte. E’ d’obbligo ricordare la medaglia di bronzo nel lungo ai tricolori juniores di Matteo Passerini. “Passero” non è una sorpresa, già lo scorso anno fu finalista agli Italiani Allievi nel triplo, ma con quel balzo a 6.94m ha dimostrato di saper dare il meglio di sé nel momento giusto.

Tra i “regali” ricevuti nel 2001 il primo da citare è quello di Marco Bartoletti Stella che, a Camaiore (Lucca), si è messo al collo la medaglia d’argento dei 10.000m validi per il titolo Italiano Assoluto. A Catania, dove si svolgevano i 5000m, Bartoletti ha poi voluto aggiungere un più che discreto settimo posto. I tricolori indoor giovanili di Ancona hanno visto in finale tre dei nostri promettenti Juniores: Valentina Morigi (4°) e Matteo Passerini (5°) nel lungo e Manuele Placuzzi 6° nei 400m. Le squadre Assolute sono state accomunate dalla sfortuna: entrambe si sono piazzate al settimo posto nella finale B dei Societari fallendo per pochissimi punti l’obiettivo salvezza. Sorte migliore è toccata a quelle Cadetti e Cadette, rispettivamente seconda e terza nei Campionati Regionali. I Campionati Italiani Juniores di Milano hanno fatto registrare l’ottavo posto del discobolo Andrea Borghetti, mentre da Isernia, dove si assegnavano le maglie tricolori per la categoria Cadetti, è arrivato il quarto posto di Emanuele Sintuzzi nel lancio del martello e l’11° di Giulia Magnani nei 600m.

Margherita Magnani

Margherita Magnani

Nel 2004 Margherita Magnani, che farà parlare di lei più avanti, inizia a frequentare il campo d’atletica di Cesena, allenata da Paride Benini e Pier Angelo Macrelli.

Nel 2005 Nicola Lucchi Casadei, al secondo anno della categoria cadetti fa il record regionale della specialità dei 100hs cadetti a Ravenna con 13”34, tempo che è ancora oggi record regionale e una delle migliori prestazioni in Italia. Nicola vince poi la più famosa gara in Italia per il settore giovanile: il Trofeo Ceresini a Fidenza e il Titolo Italiano nel Criterium Cadetti a Bisceglie sotto l’acqua.

Nel 2006 Nicola Lucchi Casadei arriva ai Campionati Italiani Allievi indoor di Ancona con il migliore tempo in Italia, 8”17, nei 60hs e, pur infortunato, arriva terzo. Ai Campionati Italiani Juniores Indoor, intanto, doppia medaglia per Margherita Magnani con il bronzo sugli 800m e l’argento nei 1500m. All’aperto Margherita è ancora bronzo nei 1500m ai Campionati Nazionali Universitari a Desenzano del Garda, mentre Nicola Lucchi Casadei realizza un grande 14”16 nei 110hs a Bressanone vincendo il Brixia, il più importante meeting nazionale per il settore allievi. Grazie a questo risultato viene convocato a rappresentare i colori italiani a Salonicco ai Campionati Mondiali Studenteschi dove arriva in semifinale con 14”20. Nel finale di stagione arriva secondo a Fano ai Campionati Italiani allievi con 14”28.

Nicola Lucchi Casadei

Nicola Lucchi Casadei

Nel 2007, per sostenere i problemi economici, la squadra femminile dalla categoria allieve in su, approda al Cus Bologna, grazie ad un accordo con la squadra bolognese. Le ragazze si alleneranno con i nostri tecnici, ma gareggeranno per la squadra di Anna Maria Carli.
L’anno si apre con il grande primato italiano indoor allievi di Nicola Lucchi Casadei, il nostro fiore all’occhiello, nei 60hs con 8”02 ad Ancona e col titolo italiano allievi nei 60hs con 8”08 a Genova. Poi purtroppo una microfrattura ferma Nicola per il resto della stagione, ma con grande volontà, seguito dal suo tecnico Sandro Suriani, recupera e, con solo due mesi di preparazione svolti ad agosto e settembre, ai Campionati Italiani Allievi di Cesenatico compie un’impresa emozionante: con 13”92 nei 110hs vince il titolo italiano, fa il record regionale, realizza la seconda prestazioni in Italia dell’anno e la 20° prestazione mondiale di un allievo nel 2007. A Cesenatico molto bene anche Lucia Colì, tesserata Cus, ma allenata dal nostro tecnico Paride Benini, che con 7:18.66 è bronzo nei 2000siepi, personale di oltre 20 secondi.

1990_lucia_coli

Lucia Coli

Nel 2008 Lucia Colì è nazionale juniores a Rabat (Marocco) nell’Incontro Internazionale under 20 e nel 2009 partecipa agli Europei juniores a Novi Sad, dove ottiene l’ottava posizione nei 5000m col suo secondo miglior tempo di sempre.

Nel 2009 si interrompe il sodalizio bolognese con il CUS e l’atletica Endas Cesena formula un nuovo accordo, sempre per le ragazze, con la società reggiana della SELF MONTANARI E GRUZZA, sodalizio che permane tutt’ora.

Nel 2016 assume la presidenza della società l’ingegnere Lorenzo Gasperoni, ex atleta di buon valore negli anni passati, che porta una ventata di entusiasmo e nuovi stimoli. Il Comune ci ha riassegnato la gestione del campo di atletica per altri 6 anni. Quest’anno è un anno storico per la nostra associazione sportiva: Margherita Magnani è la prima atleta cesenate di sempre a partecipare alle Olimpiadi e questa impresa chiude un cerchio, non c’è manifestazione internazionale alla quale non abbia partecipato un atleta proveniente dalla nostra società: europei, mondiali, universiadi, indoor e all’aperto, Campionati mondiali ed europei di cross.
10 sono gli atleti cesenati che centrano il minimo per i Campionati Italiani di categoria: fra i cadetti Giada Ceccarelli nel martello, Giada con la misura “tonda” di 42,00m si piazza al decimo posto nella graduatoria italiana delle cadette del 2016 e  Lorenzo Sacchetti che con 9″32 sigla il nuovo record sociale ed è 17-esimo fra i cadetti d’Italia. Lorenzo inoltre è 21-esimo in Italia nel salto in lungo, grazie ad un balzo che lo ha fatto atterrare a 6,16m.
Fra gli allievi minimo per Albano Federico nei 110hs (15″17 per lui, grande miglioramento e 27-esima posizione nel rank allievi d’Italia), per Chiara Dusi nel peso (11.19m) e nel disco (33,04m e 19-esimo posto nella graduatoria italiana), per Lucia Fiumana nei 100m (primo anno nella categoria, vanta un buon 12″79), per Giorgia Presepi nel triplo (10,93m e 36-esima posizione in Italia).
Fra gli Junior minimo indoor nel 60m per il velocista Marco Maldini che dopo una buona stagione indoor, 60m corsi in  7″14 che lo ha posto al 32-esimo posto in graduatoria, è incappato in un infortunio che lo ha tenuto fermo quasi tutta la stagione. Minimi all’aperto per Emma Perazzini nel lungo (5,37m e 21-esima posizione) e Filippo Manuzzi nel martello (46,55m e 23-esima posizione).
Infine minimo fra le promesse per Giacomo Mordenti nei 3000siepi (9:47.21 e 21-esima posizione).
Il 1 Dicembre, dopo un bel po’ di anni di assenza, abbiamo rifesteggiato con la cena sociale e le premiazioni agli atleti più meritevoli.
Il 3 Dicembre siamo stati insigniti della prestigiosa stella d’argento al merito sportivo, un bel riconoscimento da parte del Coni concessa alle associazioni sportive che con continuata e meritoria azione nel campo della promozione e della attività agonistica abbiano contribuito a diffondere e onorare lo sport nel Paese. Ricordo che già avevamo quella di bronzo, ottenuta nel 2004.

La nostra storia, più o meno dettagliata, è fatta di nomi, misure, tempi, medaglie, di città sempre nuove in cui gareggiare, di traguardi da raggiungere. I nomi che abbiamo citato in questa breve storia, sono solo quelli dei più “bravi”, quelli di chi ha corso più velocemente, lanciato più lontano, saltato più in alto o più in lungo, ma se avessimo avuto abbastanza spazio, avremmo scritto anche tutti gli altri nomi, quelli di chi campione non è mai diventato, ma che ha dato il suo piccolo, ma significativo contributo a costruire la storia dell’Atletica Endas Cesena. Grazie a tutti voi.